Blog


La cybercondria, Google diventa il tuo medico di fiducia.

Read 134133 times Last modified on Monday, 02 March 2015 18:13

Sarà capitato a tutti di consultare il web per un lieve dolore muscolare o semplicemente un fastidioso mal di testa, per il quale non era necessario consultare il medico.

La Cybercondria in Italia colpisce 1 persona su 3, mentre negli Usa 8 persone su 10 (dati Censis 2014) e mentre si moltiplicano sempre più  i forum dei pazienti che si confrontano sulle patologie, diminuisce il ricorso agli specialisti. La ricerca sul web inerente i problemi di salute, si candida ormai, a valido sostituto del medico di famiglia e del farmacista di fiducia, fino a ieri unici consiglieri del malato.

Su Tweeter  e Facebook, non mancano aggiornamenti sulle epidemie sicuramente utili, ma l'overloading information, cioè la dipendenza dalle informazioni del web, può essere dannosa; perché non tutti sanno che su Google, spesso è l'utente comune a scrivere di malattie. Su Wikipedia, ad esempio, chiunque può registrarsi e scrivere contenuti attinenti ad una patologia e raccontare la propria esperienza in merito.

Di fronte al fenomeno dei cybercondriaci le case farmaceutiche specializzate possono fornire  spiegazioni più complete e di valore aggiunto ai contenuti medici online; sviluppando campagne di informazione, ponendosi come migliore alternativa ai contenuti salutistici sul web che spesso conducono a conclusioni superficiali e soprattutto errate e raggiungere una grande quantità di utenti attraverso i social:

  1. Facebook : per promuovere articoli e contenuti emozionali
  2. Twitter : per dare informazioni temporali ai follower e parole chiave
  3. Linkedin: Per ricerca talenti
  4. Google : per geolocalizzazione my business
  5. Google AdWords attirare nuovi clienti sul sito web, incrementare le vendite online

Le campagne di comunicazione, concentrate sul coinvolgimento emozionale dei consumatori, sono uno strumento vincente perché sviluppano contenuti ad alto impatto emozionale, stimolando la condivisione e le conversazioni social.

Gli utenti interagendo con i social e postando le loro opinioni sui blog generano un flusso infomativo che può essere catturato, reindirizzato per informare, motivare, spingere alla azione, influenzare, persuadere, istruire e modificare il comportamento del consumatore .

Mcm Group, con la sua lunga esperienza nella creazione di contenuti web ad hoc, ti permette  attraverso piani editoriali semplici, social , virali e di call to action, di raggiungere nuovi target di clienti.

 

 

Login to post comments
Joomla SEF URLs by Artio